Paura di volare ?

Al giorno d’oggi l’aereo è il mezzo più utilizzato per spostarsi per le distanze medio lunghe, grazie alla particolare comodità e velocità che riesce a regalare, senza peraltro tralasciare il discorso economico.

Purtroppo però, nonostante ci si faccia comunque ricorso, molte persone soffrono di aerofobia, ossia hanno paura di volare.

Diversi sono i sintomi di questa patologia ma i più frequenti sono ansia, sudorazione, panico, tremori, tachicardia, vertigini, paura di morire, paura di impazzire, disturbi alla vista, senso di oppressione, fatica a respirare e nausea che si manifestano in diversi momenti a seconda del caso, c’è difatti chi entra in panico già diversi giorni prima della partenze e chi teme la fase del decollo o solo quella dell’atterraggio, … eccetera.

Nulla serve a contrastare la paura di volare, nemmeno i dati delle statistiche, che dimostrano essere l’aereo, il mezzo di trasporto di gran lunga più sicuro che ci sia!

Indubbiamente, uno dei fattori scatenanti la paura, e’ la totale impossibilità di avere sotto controllo la situazione, in caso di emergenza … trovandosi letteralmente in mezzo alle nuvole!!!

Quando si è nel pieno della propria paura, la lucidità lascia desiderare, quindi ecco alcuni consigli, che per quanto non risolvono il problema, possono aiutare:

  • rilassarsi, evitando di pensare di essere a 10.000 metri di altezza ma immaginate di viaggiare su un pullman;
  • evitare di prestare attenzione ad ogni piccolo rumore, in quanto sono dovuti al normale utilizzato delle apparecchiature di bordo;
  • portarsi un qualsiasi passatempo da fare, ascoltare o guardare a bordo, specie durante la fase di crociera;
  • socializzare con i vicini di posto, è importante, perché è stato testato che viaggiare in compagnia riduce decisamente lo stress da volo;
  • nelle fasi di atterraggio e salita, riorganizzare i pensieri, pensando a cosa fare dopo;
  • se possibile sarebbe il caso di iniziare a volare gradatamente, evitando di cominciare con un volo a lunga percorrenza ma con uno il più breve possibile, continuando con uno medio, … e così via fino a uno molto lungo;
  • allontanare qualsiasi cattivo pensiero, spostando la propria mente su tutt’altri pensieri positivi;
  • il personale di bordo è totalmente in grado di affrontare gli attacchi di panico dei passeggeri e qualsiasi altra emergenza e sono soprattutto a completa disposizione dei passeggeri;
  • gli aerei sono dotati di una serie di misure di sicurezza, onde assolvere tempestivamente alle più disparate situazioni ed emergenze;
  • prima di volare è consigliabile fare solo uno spuntino, bevendo invece molto, onde idratarsi bene.

E’ infine risaputo, che la maggior parte dei sospetti casi di aerofobia, si risolvono completamente con queste semplici accortezze, per cui trattasi presumibilmente di semplice stress da volo.

A differenza, nei casi più gravi, contro cui nulla valgono questi semplici consigli, è bene consultare il proprio medico o uno specialista, per ricorrere ad una soluzione farmacologica o in alternativa, agli estratti naturali come i fiori di Bach, il Larch o l’escolzia californica e molti altri, utilissimi per alleviare l’ansia, la nausea e lo stress!

Oltre alle misure di cui sopra, altra strada percorribile per affrontare la fobia della paura del volo, è comunque poi quella di cercare di risolvere definitivamente il problema aerofobia, sostituendo la paura della non conoscenza, con la fiducia e la conoscenza degli altri, attraverso un processo di ristrutturazione cognitiva.

Trattasi di un particolare e delicato processo, che si struttura nei diversi passaggi:

  • focalizzare l’attenzione sui pensieri automatici che invadono la mente e spaventano.;
  • registrare per tempo, su di un quaderno, i pensieri, i momenti, i sentimenti, le reazioni, … sino alle tecniche impiegate per rilassarsi ed i risultati ottenuti … e quant’altro, assale l’individuo in concomitanza degli attacchi di volare;
  • esprimersi e conoscere i pensieri irrazionali che assalgono, col manifestarsi dell’aerofobia è molto importante, perché analizzando infatti, i propri passi, si comprende la natura esatta del pensiero e le reazioni ad esso.

Volare, non sarà più una paura … anzi!

, ,

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

parajumper pas cher parajumper pas cher parajumper pas cher parajumper pas cher parajumper pas cher nike tn pas cher peuterey outlet piumini woolrich outlet maxmaillots max maillots foot moncler outlet moncler outlet moncler outlet moncler outlet moncler outlet woolrich outlet woolrich outlet moncler outlet moncler outlet moncler outlet peuterey outlet golden goose outlet golden goose outlet